Parco Khao Sok
Asia

Il parco Khao Sok: la Thailandia meno turistica

La Thailandia è diventata negli ultimi anni uno dei paesi maggiormente visitati. E’ facile da visitare, è bellissima e decisamente low cost. La maggior parte degli itinerari, però, prevede principalmente la capitale, Bangkok, alcune città al nord e per finire le isole, per un pò di sano relax. Oggi voglio portarvi alla scoperta del parco nazionale di Khao Sok, un gioiello della Thailandia meno turistica.

Parco nazionale Khao Sok

Come si raggiunge?

Il parco è raggiungibile via bus, pubblico o privato, da Surat Thani, dove potrete arriva in aereo direttamente da Bangkok. Da manuale sarebbero due ore, in realtà noi ne abbiamo impiegate più del doppio. L’alternativa è raggiungerlo da Khao Lak, in meno di un’ora con un bus locale.

Quanto stare e che cosa fare?

Il parco di Khao Sok è davvero grande: tra montagne calcaree, la foresta pluviale e lo splendido lago Chiaw Lan, potreste trascorrerci una settimana o più senza annoiarvi mai. Tuttavia, se il tempo è limitato, vi consiglio di dedicargli almeno due giorni interi.

Il primo giorno potete dedicarvi ad esplorare la foresta grazie ad uno dei tanti trekking organizzati: vi porteranno a scoprire la flora e la fauna del posto. Potrete incontrare serpenti (sì, anche velenosi, come il Cobra), farfalle meravigliose, simpatiche scimmie e, con un pò di fortuna, vedere anche il fiore più grande al mondo, la Rafflesia.

Il secondo giorno, invece, vi consiglio di andare all’esplorazione del lago e delle sue grotte a bordo di una long boat o di una canoa. I pinnacoli calcarei che fuoriescono dalle sue acque vi faranno credere di navigare indietro nel tempo.

Farfalla della foresta pluviale

Che cosa non fare?

Come nel resto della Thailandia, anche nel parco nazionale Khao Sok è possibile prendere parte ad una passeggiata con gli elefanti. Questi poveri animali vengono sfruttati per ragioni turistiche e le loro condizioni sono davvero pessime. Quindi, evitate di alimentare questo business davvero poco animal-friendly.

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *